venerdì 2 ottobre 2009

L'Anguilla Ubriaca - Anguillara Sabazia - Roma


Dunque prima di tutto è d'obbligo un chiarimento. Cosa è la Centeuri Soccer Club? E' la squadra di calcio a otto, in cui gioco e il mio ruolo è il portiere. Ogni inizio di anno sportivo, per cui sempre nel mese di Settembre, si organizza la cena sociale, a cui partecipano tutti i soci, cioè coloro che giocano nella squadra. Quest'anno abbiamo deciso di provare la cucina, dietro consiglio di Don Lurio, capitano della squadra, dell'Anguilla Ubriaca. E meno male che abbiamo seguito il suo consiglio, perchè altrimenti avremmo perso il piacere di gustare una cucina veramente particolare, una cucina salutistica. I nostri complimenti vanno allo Chef, perchè abbiamo mangiato eccellentemente e anche la scelta dei vini è stata azzeccata. Un informazione, chi ama i piatti tradizionali, tipo fettuccine, bistecca, patatine, insalata e così via, è meglio che non vada a mangiare all'Anguilla Ubriaca, perchè questo è un luogo per cultori del buon mangiare e la Centeuri è tanto brava sui campi di calcio, quanto con i piedi sotto il tavolino.
Dunque la serata è ottima, c'è una fresca brezza che arrivava dall'antistante lago di Bracciano e noi ci accingiamo ad entrare e passare una serata memorabile.
Il locale si trova a circa 25 chilometri da Roma, precisamente ad Anguillara Sabazia, ove oltre a visitare il suo centro storico è possibile fare una passeggiata sul lungolago. Ma torniamo alla nostra cena. Appena entrati, ci aspettava un prosecco con degli stuzzichini vari, tra cui bruschettine con zucca e composta di cipolla o pomodorini estirpati dei semi e peperoni. Dopo questo breve aperitivo, ci sediamo nella saletta a noi dedicata. L'ambiente è molto soft, con una musica italiana in sottofondo, che non disturba , anzi aiuta a rilassarsi e colloquiare tra un pasto e l'altro. La sommelier ci presenta il primo vino della serata, uno chardonnay bianco del Lazio. Molto gradevole e amabile, che si è sposato molto bene con il primo antipasto, cioè Sgombro con patate in salsa di uova e senape rustica. Molte parole e anche molti fatti, nel senso che la lunga descrizione è sinonimo di ottima cucina, almeno nel caso in questione. Dopo aver assaporato questa delizia, passiamo al secondo antipasto, si tratta di Capasanta saltata e trancio di pesce spada grigliato in semi di papavero. Vi assicuro mai mangiato un pesce spada così buono, delicato e saporitissimo, che richiama alla mente la pubblicità di un noto tonno "si taglia con un grissino". A questo punto, passiamo a uno dei due primi, con la sommelier che ci propone un altro bianco, della stessa casa vinicola, ma con una gradazione leggermente maggiore e con retrogusto sapido. Ecco arrivare il Cuscus di Kamut con ceci, frutti di mare e pesce di lago. Notare che per il sottoscritto è stato preparato senza ceci, per cui questa è un'altra nota di merito per lo chef e per i suoi collaboratori. A seguire abbiamo Fusilli giganti di Kamut con calamari al limone e asparagi. Signore e signori, due primi piatti da Oscar, veramente gustosi e delicati nelle stesso momento. Ora una piccola pausa per spiegare quanto è durata questa cena, cioè dalle 21 fino all'una e trenta di notte. Tutto questo tempo, perchè ogni piatto non è preparato in precedenza, ma è tutto cotto all'istante. Si pensi che se si decide di prendere un risotto l'attesa è abbastanza lunga, ma è relativa al periodo di cottura dello stesso e al tempo di riposo che necessita per la buona riuscita del piatto. Logicamente la durata lunga nel nostro caso, è dipesa anche dalle chiacchiere e dalle risate. Ma non mi voglio dilungare e vi narro i secondi piatti , partendo dai Gamberoni alla piastra con patate fritte, ma con una frittura molto particolare e arrivando al secondo piatto, cioè il Tonno palamido al pistacchio di bronte. Io non sono assolutamente in grado di dire quale dei due era migliore rispetto all'altro. Due pietanze semplicemente gradevoli, con i gamberoni già sgusciati e il tonno spettacolare. Tutto veramente perfetto, dalla cucina, al servizio, alla clientela, non so cosa scrivere di più. Giusto mancano ancora i dolci all'appello. Siamo partiti da una mousse al cioccolato e rum con frutti di bosco, per terminare con una pallina di gelato alla soia al gusto di crema servita su amaretto e guarnita con dell'ananas tagliato a fettine sottili.
Un 'ottima grappa affinata in barrique ha chiuso la serata.
Una serata veramente speciale, che oltre a farci ritrovare come gruppo sportivo, ci ha dato modo di provare questa cucina, superlativa a dir poco.
Che dire, che non siete appassionati di cibo e invece lo siete di calcio, potete seguire le nostre gesta su centeurisoccerclub.blogspot.com.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

ma quanto si mangia bene, almeno a parole, ma penso anche nei fatti

Andrew ha detto...

Ciao, complimenti per il blog. Ti va uno scambio link? Fammi sapere sul mio

http://andreainforma.blogspot.com

Rob ha detto...

Ti sarai pure fatto togliere i ceci, ma la composta di cipolle te la sei manngiata, eh?
E quant'è costata questa meraviglia di cena?

Related Posts with Thumbnails